“Il mercato finanziario è quel luogo che permette a persone che non hanno niente da perdere di incontrare persone che hanno tutto da perdere”.

(Fragmentarius)

Introduzione

I mercati finanziari sono luoghi dove è possibile scambiarsi i prodotti finanziari.

Chi ha la mia età ricorda Edoardo Della Noce, inviato del TG1, che tutti i giorni alle 13 in collegamento da Milano commentava in diretta i prezzi delle azioni mentre gli agenti di borsa passavano davanti alla telecamera, foglietti di carta sparsi ovunque per terra e in alcune giornate anche un certo nervosismo tra gli operatori.

Oggi i mercati finanziari non sono più luoghi fisici, anche se rimangono delle piazze finanziarie fisiche sparse nel mondo, ma sono per lo più delle piattaforme informatiche che permettono le contrattazioni in via telematica e continua di azioni, obbligazioni, derivati, quote di fondi comuni, ecc. ecc.
Strumenti finanziari di varia natura a medio e lungo termine, mentre i prodotti finanziari di breve termine, con bassa volatilità (rischio) e con una durata inferiore ai 12/18 mesi sono destinati al  mercato monetario, di cui parleremo più approfonditamente nel moduli successivi.

 

Bisogna inoltre considerare che in funzione della regolamentazione e dei controlli  attuati, i mercati finanziari vengono poi distinti in mercati regolamentati e non regolamentati.

Questo aspetto è molto importante sia per la sicurezza delle transazioni, sia per la standardizzazione delle contrattazioni, sia per il controllo delle procedure interne e gli aspetti fiscali di cui parleremo più approfonditamente nei moduli successivi.